Site icon Il CINEGICO

/ 12 Curiosità su “UP” (2009)

1. Il villain del film d’animazione, Charles Muntz, prende il nome da Charles Mintz, un dirigente della Universal Pictures che nel 1928 si appropriò dei diritti, di proprietà di Walt Disney, di “Oswald il Coniglio Fortunato”. A seguito di questa vicenda Disney creò Topolino… che ebbe molta più fortuna di Oswald.

2. Gli animatori, per il volto del protagonista Carl Frederiksen, si sono ispirati all’attore due volte premio Oscar Spencer Tracy.

3. La trama nasce ispirandosi alla storia di Edith Macefield. Edith lottò contro gli agenti edilizi per non andarsene dalla sua casa e farla demolire e ancora oggi la si può trovare al centro di un grande blocco di edifici a Seattle.

4. Secondo dei calcoli basati sulle dimensioni e il peso della casa di Carl, servirebbero 12.658.392 palloncini per spostarla dal terreno, mentre nel film ne appaiono 20.622.

5. È la prima volta in cui in un lungometraggio di produzione Disney un personaggio rivela di avere i genitori separati. In questo caso Russel parla della nuova compagna del padre, che è tale, non per la perdita della madre, ma perché i suoi genitori non stanno più insieme.

6. Il volto di Carl è stato volutamente creato di forma quadrata per far capire quanto sia “inquadrato” nella sua vita all’interno della casa.

7. Nella stanza di una bimba possiamo notare l’orsacchiotto “Lotso” antagonista in “Toy Story 3”, uscito l’anno dopo UP.

8. Il Designer Adam Bangerter ha ricreato interiormente ed esteriormente la casa del protagonista a Salt Lake City. La casa è stata venduta per 400.000 dollari e ora è diventata una attrazione turistica.

9. Il film ha vinto due Oscar: Miglior Film D’animazione e Miglior Colonna Sonora.

10. È il terzo miglior incasso della storia della Pixar con la bellezza di 731.342.744 di dollari. Al secondo posto “Alla ricerca di Nemo” e al primo “Toy Story 3”.

11. Su “Disney +” è possibile trovare i corti animati “Vita da Dug” incentrati solamente sul cane Dug.

12. I primi cinque minuti del film meriterebbero da soli tutti i premi e le lodi del mondo…

Exit mobile version