La vera storia che ispirò “American History X”

Il personaggio di Derek Vinyard, interpretato da Edward Norton in “American History X” (1998) è ispirato a Frank Meeink, un ex naziskin suprematista bianco.
Frank venne cresciuto da una madre alcolizzata e un padre tossicodipendente, e più tardi da un patrigno violento che lo sbatté fuori di casa a 13 anni.
Così iniziò a frequentare il movimento neonazista e divenne uno di loro dopo essersi tatuato Goebbels sul petto e una svastica sul collo.


A 17 anni venne arrestato dopo aver torturato e quasi ucciso un coetaneo e aver ripreso il tutto.
Vista l’età venne condannato a 3 anni di galera e li cambiò completamente, proprio come il personaggio del film.
Divenne amico di detenuti di diverse etnie, venendo aiutato di più dagli afroamericani che dai naziskin come lui.
Quando uscì si allontanò dal suo vecchio mondo, creando anche una organizzazione dove i ragazzi di ogni etnia potevano fare sport stando lontani dalle difficoltà della strada.
Nel 2010 ha pubblicato il libro: “NERO. Autobiografia di un neonazista guarito”.

Rispondi