/ 15 Curiosità su “I Tenenbaum” (2001)

1- Il regista Wes Anderson si è ispirato alla sua famiglia e al divorzio dei suoi genitori.
Anjelica Huston nel film è una archeologa come la madre di Anderson.

2- Per il cognome della famiglia si è ispirato a Brian Tenenbaum, suo amico dell’università, che aveva una sorella di nome Margot proprio come il personaggio di Gwyneth Paltrow.

3- Wes e Owen Wilson erano compagni di stanza al college.
Da lì in poi hanno collaborato in quasi tutti i film di Anderson.

4. La mano di Ben Stiller con il pallino sotto pelle è in realtà di Andrew Wilson, fratello di Owen e Luke.
Owen da bambino gli sparò e il pallino gli rimase li per sempre.

Il pallino nella mano di Andrew Wilson

5- Margot ha un dito in meno nel film ma in realtà era il personaggio di Margaret in “Rushmore” che doveva avere questo Handicap.

6- Il personaggio di Richie è ispirato a Bjorn Borg, vincitore di 11 tornei del grande slam di tennis ma ritiratosi a soli 26 anni.

7- Il cane si chiama Buckley in onore di Jeff Buckley.

8- Il falco Mordecai fu rapito durante le riprese e ci fu addirittura la richiesta di un riscatto molto alto.
La produzione però non poteva pagare la cifra e fermare le riprese per troppo tempo e quindi si decise di prenderne un altro. Del falco non si seppe più nulla…

I due falchi diversi

9- I topi dalmata non esistono, sono solo topi a cui sono stati disegnati dei puntini.

10- Gene Hackman e Anjelica Huston rifiutarono i ruoli, finché non presero più corpo e spessore.
La Houston indossa i veri occhiali della mamma di Anderson.

11- Anderson fa un cameo nel film insieme a Andrew Wilson, fratello di Owen e Luke.
Sono i commentatori della famosa ultima partita di tennis.

12- I disegni di Richie da bambino sono in realtà fatti da Eric Anderson, fratello di Wes.

13- Il personaggio di Eli Cash (Owen Wilson) è ispirato al famoso scrittore Cormac McCarthy.

14- Quello di Bill Murray al neurologo Oliver Sacks.

15- Durante la scena del compleanno di Margot, la Huston si avvicinò troppo alla torta e i capelli le presero fuoco!

Rispondi