/ 20 curiosità su BLADE RUNNER (1982)

1. Il film è liberamente ispirato al romanzo “Il Cacciatore di Androidi” (Do Androids Dream of Electric Sheep?) Di Philip K. Dick.

2. Il film non venne subito compreso e incassò davvero poco soprattutto negli Stati Uniti, mentre in Europa ebbe più successo e divenne più velocemente un film di culto e tutt’ora considerato uno dei capisaldi della fantascienza cinematografica.

3. Dustin Hoffman venne contattato per la parte di Rick Deckard ma abbandonò il progetto dopo qualche mese, secondo Scott più per soldi che per altro.

4. Esistono ben sette versioni del film! La FINAL CUT del 2007 è l’unica in cui Ridley Scott ha avuto libertà totale.

5. La ripresa aerea finale è presa dal girato di quella iniziale di SHINING. Scott in rotta con i produttori che volevano un finale di speranza, a differenza sua, chiamò Kubrick e gli chiese il girato di quella parte cosi da inserirla senza che lui dovesse realizzarne un’altra.

6. Nella prima sceneggiatura Roy Batty veniva ucciso ma quando subentrò un nuovo sceneggiatore cambiò la sua sorte e scrisse il famoso monologo, a cui però Rutger Hauer fece delle modifiche, tagliando la parte iniziale e aggiungendo la struggente parte finale: “E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia”.

7. Daryl Hannah durante una scena cadde e ruppe un vetro con un gomito. Tutt’ora porta le cicatrici di quel momento.

8. Scott scritturò Rutger Hauer senza averlo mai incontrato ma dopo averlo visto solamente in tre film di Paul Verhoeven. Perché per lui non c’era nessuno altro che potesse essere più perfetto per la parte di Batty.

9. Stacey Nelkin doveva interpretare la quinta replicante MARY ma un lungo sciopero degli sceneggiatori portò alla fine alla cancellazione del suo personaggio.

10. Ford e Scott non andarono per niente d’accordo sul set. Solo molti anni dopo i rapporti si smussarono.

11. Scott ha confessato di non aver mai letto il libro da cui è tratto il film.

12. La voce fuori campo venne aggiunta dopo che alcune proiezioni in anteprima vennero ritenute disastrose, perché il pubblico non riusciva a seguire la trama.

13. I titoli presi in considerazione per il film furono: “Dangerous Days”, “Mechanismo” e “Android”.

14. Durante le riprese Joanna Cassidy utilizzò il suo pitone birmano Darling.

15. Fra Sean Young e Harrison Ford non corse buonsangue, tanto che la produttrice Katherine Haber disse che la scena d’amore fra loro era in realtà una scena di odio.

16. Il metodo Voight-Kampff, utilizzato da Rick Deckard per smascherare i replicanti, nacque da The Imitation Game, il test del matematico Alan Turing.

17. Il poster in cui Sean Young fuma fu censurato in Francia per la legge contro il fumo.

18. Scott si ispirò al quadro “Nighthawks” di Edward Hopper per le atmosfere del film.

19. La lingua che parla Gaff (Edward James Olmos) è un mix fra giapponese, spagnolo e tedesco, chiamato Cityspeak.

20. Nel 2017 è uscito il seguito ufficiale e film intitolato “Blade Runner 2049” con alla regia Denis Villeneuve e sempre con Harrison Ford nei panni di Deckard.

Rispondi